A PLAGUE TALE INNOCENCE

A PLAGUE TALE: INNOCENCE

A Plague Tale Innocence - A PLAGUE TALE: INNOCENCE
Data di uscita
Maggio 14, 2019
Genere
Azione Avventura , Generale
Piattaforme
Pc, Ps4, XboX
Sviluppato da:
Asobo Studio

A PLAGUE TALE: INNOCENCE

A Plague Tale: Innocence offre un’avventura supportata da uno scenario originale, con un gameplay che unisce fasi di azione, avventura e furtività. Segui i nostri protagonisti Amicia e il suo fratellino Hugo, entrambi orfani e in fuga dalla terrificante Inquisizione. I nostri giovani eroi avranno anche bisogno di sopravvivere contro un pericolo ancora più grande: sciami sovrannaturali di ratti che sono apparsi con la grande piaga che infetta attraverso città e campagne.

A PLAGUE TALE INNOCENCE 2 - A PLAGUE TALE: INNOCENCE

“L’IDEA EMERGE DAL LUME DELLE FIACCOLE, NEL CUORE DEL CRUDO E PRIMORDIALE MEDIOEVO CHE TANTO CI AFFASCINA. HUGO, IL FRATELLINO CHE HA SEMPRE GODUTO DI IPERPROTEZIONE E AMICIA, LA SORELLA MAGGIORE RIBELLE,

HANNO PRESO VITA DALLE NOSTRE TASTIERE,

DALLE MATITE E DALLE STRINGHE DI CODICE.”

DAVID DEDEINE, COFONDATORE E RESPONSABILE CREATIVO

E SEBASTIAN WLOCH, COFONDATORE E AMMINISTRATORE DELEGATO DI ASOBO STUDIO.

“Prima ancora dei ratti, viene la storia di Hugo e Amicia. È il punto di collisione tra l’innocenza di due bambini nel loro legame fraterno e il resto del mondo: un medioevo storicamente crudele, reso ancora più spietato dalla presenza dei ratti e dell’Inquisizione.”

KEVIN CHOTEAU, GAME DIRECTOR

“È una versione della storia frutto della nostra fantasia, simile a un racconto. Un racconto sulla peste, arricchito di fatti e aneddoti storici inseriti in un panorama che vogliamo rappresentare nel modo più realistico possibile.”

BRICE DAVIN, PRODUTTORE ESECUTIVO

“È indubbiamente un gioco in stile dark. Raccontiamo in modo freddo e crudo come andavano le cose in quel tempo. Tuttavia, non c’è violenza gratuita. Amicia dovrà prendere decisioni che le costeranno la sua stessa anima. È un tema cruciale del gioco: quanto sarà disposta a spingersi oltre pur di sopravvivere?”

AURÉLIE BELZANNE, RESPONSABILE DELLA COMUNICAZIONE

“I ratti incarnano la peste, sono la prova tangibile di un male inafferrabile. È l’elemento storico che abbiamo rielaborato per creare un’atmosfera più fantastica. Sono allo stesso tempo un ostacolo per il giocatore, un elemento chiave per la narrativa e un fattore scatenante.”

KEVIN CHOTEAU, GAME DIRECTOR

Personaggi

amicia hugo 300x244 - A PLAGUE TALE: INNOCENCEAMICIA E HUGO DE RUNE

“Amicia è una ragazza giovane, caparbia e dalla personalità forte. Vuole una vita fatta di avventure. Dimostra grande risolutezza, ma sa anche essere molto egocentrica. Non sa condividere i suoi sentimenti e aprirsi con gli altri, e questo rappresenta per lei una grossa sfida.”

SÉBASTIEN RENARD, DESIGNER NARRATIVO

“Hugo è stato isolato dal resto del mondo fin dalla nascita. Soffre di una misteriosa malattia per la quale riceve tutte le attenzioni e le cure della madre. Questo ha scatenato la gelosia di Amicia e continua a creare tensione tra i due bambini, che si conoscono a malapena.”

SÉBASTIEN RENARD, DESIGNER NARRATIVO

A PLAGUE TALE INNOCENCE 3 - A PLAGUE TALE: INNOCENCE

 

the rune family 300x298 - A PLAGUE TALE: INNOCENCELA FAMIGLIA DE RUNE

“Béatrice De Rune si occupa quasi esclusivamente della salute di Hugo, disinteressandosi della figlia. Conosce l’alchimia che le ha insegnato il suo mentore, un medico di nome Laurentius. La sua conoscenza le permette di curare la malattia che affligge il figlio, rimasto confinato in una sorta di quarantena fin dalla nascita.”

SÉBASTIEN RENARD, DESIGNER NARRATIVO

 

 

 

 

the inquisition 300x247 - A PLAGUE TALE: INNOCENCEL’INQUISIZIONE

“L’Inquisizione è prima di tutto un simbolo: un simbolo di paura. A capo c’è Vitalis, un personaggio controcorrente. È motivato da una fede piuttosto singolare. Sebbene i suoi metodi siano brutali, è convinto di star agendo per un bene superiore.”

SÉBASTIEN RENARD, DESIGNER NARRATIVO

 

 

 

 

GLI ORFANI

“Gli orfani sono presenti fin dalla prima ideazione e contribuiscono alla nostra esplorazione del tema dell’infanzia. Avevamo bisogno di ampliare lo spettro delle personalità, perciò Amicia e Hugo ne incontreranno diversi, ciascuno con le proprie caratteristiche particolari.”

KEVIN CHOTEAU, GAME DIRECTOR

Altre storie
World of WarCraft Battle for Azeroth recensione
World of WarCraft: Battle for Azeroth recensione
Vai alla barra degli strumenti