iNFORMATI24
Erdogan perde il controllo della capitale turca nelle battute d'arresto delle elezioni locali

Erdogan perde il controllo della capitale turca nelle battute d’arresto delle elezioni locali

Erdogan perde il controllo della capitale turca nelle battute d’arresto delle elezioni locali

Il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan sta affrontando una grave battuta d’arresto politica dopo che il suo partito ha perso il controllo della capitale, Ankara, in una battaglia elettorale locale molto combattuta.

I risultati preliminari hanno anche mostrato che l’opposizione si avvicinava di poco al Partito di giustizia e sviluppo (AKP) del Presidente a Istanbul, la più grande città del paese.
I risultati, se confermati, saranno un duro colpo per Erdogan, che ha dominato la politica turca da quando è diventato primo ministro nel 2003.

Ad Ankara, il Partito popolare repubblicano dell’opposizione (CHP) ha vinto oltre il 50% dei voti mentre l’AKP si è attestato attorno al 47%, ha detto l’agenzia di stampa statale Anadolu. È la prima volta in 25 anni che il partito islamista ha perso la presa sulla capitale.

A Istanbul, il risultato era troppo vicino per chiamare lunedì. Secondo Anadolu, la cogenerazione ha ricevuto il 48,79% dei voti, in netto anticipo rispetto all’AKP con il 48,51%. Il Consiglio supremo delle elezioni turche ha dichiarato che i risultati di 84 urne non sono stati ancora inclusi nel conteggio finale in quanto vi sono state obiezioni. Entrambe le parti hanno rivendicato la vittoria a Istanbul, secondo Anadolu.

Tuttavia, il candidato sindaco di Istanbul, Binali Yildirim, ha detto che mentre il candidato dell’opposizione Ekrem Imamoglu del CHP aveva ricevuto 25.000 voti in più in base ai risultati preliminari, ha affermato che oltre 300.000 voti erano “non validi”.
“Questo è un dettaglio importante: potrebbero esserci errori e irregolarità, il nostro partito li ha rilevati”, ha detto, aggiungendo che accetteranno i risultati solo una volta annunciato dal consiglio elettorale ufficiale.

Il capo provinciale di Istanbul Bayram Senocak ha anche insistito sul fatto che il partito di Erdogan avesse vinto. Ha aggiunto che fino ad ora i loro risultati erano sempre risultati corrispondenti ai risultati ufficiali.

“Vi sono irregolarità che possono facilmente influire sul risultato delle elezioni”, ha detto Senocak, secondo Anadolu, aggiungendo che l’AKP potrebbe provarlo.

In tutto il paese, il partito AKP del Presidente, in alleanza con il Partito del movimento nazionalista (MHP), ha ottenuto il 51,63% del voto complessivo, mentre l’alleanza dell’opposizione ha preso il 37,55%, secondo i risultati preliminari riportati da Anadolu.

Mentre Erdogan non correva, era il volto della campagna dell’AKP e teneva manifestazioni in tutta la Turchia per settimane. Ha descritto i voti di domenica per sindaci e organi comunali come una questione di “sopravvivenza” nazionale. Secondo Anadolu, milioni hanno votato.

Il risultato a Istanbul ha una particolare risonanza: Erdogan ha iniziato la sua carriera politica lì, prestando servizio come sindaco negli anni ’90. Da allora, l’AKP di Erdogan e il suo predecessore hanno costantemente vinto le elezioni.

Il partito di Erdogan perse anche la terza città della Turchia, la città costiera storicamente secolare di Izmir. Lì, il CHP sta conducendo con più della metà dei voti, mentre l’AKP è di almeno 20 punti indietro.

Erdogan perde il controllo della capitale turca nelle battute d’arresto delle elezioni locali

Lezioni da imparare, ammette Erdogan

Le elezioni sono state ampiamente viste come un referendum su Erdogan e il suo partito in vista dei risultati. In un discorso di domenica sera, Erdogan ha detto che le lezioni saranno apprese.
“Le persone che escogitano false promesse, vanno avanti, vedremo come governeranno, continueremo sul nostro cammino se Dio vuole – prendendo lezioni dai nostri errori in queste elezioni”, ha detto.

Secondo Anadolu, Erdogan ha ricevuto una telefonata dal presidente russo Vladimir Putin per congratularsi con lui per le elezioni locali, tra gli altri leader, come la Serbia e i presidenti dell’Azerbaigian.

Il primo ministro pakistano Imran Khan ha twittato dicendo di essere “felice di congratularsi con l’amico del Pakistan Recep Tayyip Erdogan per un’altra importante vittoria alle elezioni locali turche”.
Erdogan ha trasformato la nazione dalla sua ascesa al potere nel 2003, implementando politiche che incoraggiavano la crescita economica e sfidando le basi secolari della Turchia portando il conservatorismo islamico nella vita pubblica.

Ma dopo un fallito colpo di stato militare nel 2016, decine di migliaia di persone – molte delle quali le sue critiche – sono state arrestate e le istituzioni pubbliche distrutte. Nel 2017, ha conquistato nuovi poteri in un referendum ristretto che è stato ampiamente condannato come presa di potere.

Preoccupazioni per la democrazia

Mentre la Turchia rimane una democrazia, Erdogan ha assunto un atteggiamento sempre più autocratico.

I media mainstream privati ​​sono di proprietà di imprese filogovernative, mentre i media statali sono stati criticati per aver concesso un tempo di trasmissione sproporzionato all’AKP e ad Erdogan. Le manifestazioni del presidente hanno dominato le onde radio nelle ultime settimane.

Prima delle elezioni, c’era la speculazione che l’economia avrebbe influenzato il modo in cui il pubblico ha votato. Una lira turca in calo, l’aumento dell’inflazione e la crescente disoccupazione – specialmente tra i giovani – hanno aumentato il malcontento.

Affrontando il crescente malcontento, Erdogan ha detto che il governo “farà riforme strutturali per costruire un’economia più forte contro gli attacchi”, nel suo discorso di Ankara.

Informati24

Add comment

Seguici

Close