Hai mai vissuto la paralisi del sonno? Leggi le esperienze

Hai mai vissuto la paralisi del sonno? Leggi le esperienze

L’argomento di oggi, riguarda un fenomeno che si manifesta di rado nelle vite di tutti. Se non sai di cosa si tratta, ne parleremo ampiamente in questo articolo raccontandovi anche qualche esperienza realmente vissuta dai testimoni di tale avvenimento. Il fenomeno di cui vi parleremo è la paralisi del sonno.

Se hai avuto modo di provare questa esperienza, sai bene di cosa si tratta. Solitamente avviene di svegliarvi nel cuore della notte e trovarvi improvvisamente cosciente ma con il corpo completamente bloccato. Sono attimi di panico, perché nonostante i vari sforzi, tentare di muoversi risulta invano. Detto in questo modo sembra abbastanza terrificante, questo argomento però non lo stiamo affrontando per seminare panico, ma solo per portarvi a conoscere il fenomeno in modo che qualora vi trovaste ad affrontarlo, sapreste come uscirne e sentirvi al sicuro.

Prende il nome dalla caratteristica situazione di sentire il corpo fisico bloccato. Talvolta è possibile muovere i bulbi oculare o aprire gli occhi, ma è impossibile qualsiasi altro tipo di movimento durante la manifestazione del fenomeno. La durata della paralisi del sonno oscilla da pochi secondi a qualche minuto, dopo tutto torna alla normalità. Spesso la persona protagonista di questo episodio, pensa immediatamente di chiedere aiuto e di urlare, e viene pervaso da un senso di angoscia poiché non riesce a gridare, se non sussurrare in modo affannato e debole.

Questo fenomeno può verificarsi sia di notte prima di addormentarsi che al risveglio a qualsiasi ora della notte o del mattino. Secondo gli studi, si tratta di un fenomeno fisiologico. Durante il sonno, più precisamente durante la fase REM, i muscoli sono momentaneamente bloccati per proteggere l’individuo da movimenti provocati dal sogno. Quindi viene spesso considerato un fenomeno normale dovuto a stress. Siamo sicuri però dipenda sempre e solo da questo?

Sono molte le persone che raccontano di aver provato questa esperienza, e se domandiamo a persone anziane, anche esse associano il fenomeno a qualcosa di paranormale. Alcuni pensano alle streghe, altri a esseri provenienti da altre dimensioni, alcuni addirittura ad alieni e alle abductions. Inoltre non bisogna fare di tutta l’erba un fascio perché ogni esperienza può essere diversa e può avere molteplici spiegazioni.

Se consideriamo normale e fisiologico il fenomeno della paralisi del sonno, allora perché spesso succede anche a più persone che si trovano nello stesso momento e nello stesso luogo?

Questo fenomeno induce il corpo fisico ad uno stato ipnotico, quindi è possibile percepire le presenze che abitano il mondo invisibile. Lo stato ipnotico inoltre è raggiungibile anche durante le Ipnosi Regressive, o i Viaggi Astrali. Alcune persone infatti ipotizzano che la sensazione di paralisi del sonno sia il momento in cui sta verificandosi un’esperienza extracorporea. Ognuno è libero di pensare e farsi un’idea a riguardo, di seguito vi proponiamo alcune esperienze di persone che hanno realmente provato questo fenomeno.

Prima Esperienza:

“Ero appena andato a dormire come al solito, dopo una giornata abbastanza tranquilla. Ero nella posizione supina, e ho iniziato a rilassarmi per addormentarmi come faccio tutte le sere. Ad un tratto, probabilmente mi ero addormentato, ho iniziato a sentire una strana sensazione e mi sono svegliato. In quel momento sono andato totalmente nel panico perché sentivo il mio corpo nel letto totalmente bloccato.

Ho iniziato a domandarmi come fosse possibile e di cosa si trattasse, quando ho improvvisamente sentito una presenza vicino al mio letto e avevo paura di aprire gli occhi. Avevo mia moglie vicino, e decisi di chiamarla per far sì che si accorgesse del mio stato e provasse ad aiutarmi in qualche modo. Nonostante i vari tentativi, non usciva un fil di voce. Tentai di mettere tutta la forza nei muscoli per muovermi, fino a che dopo tanta fatica la sensazione svanì improvvisamente e sparì anche la presenza che sentivo vicino. Ero sveglio, non stavo dormendo ero pienamente cosciente di tutto quello che stava avvenendo intorno.”

Seconda Esperienza:

“Tutto avvenne molti anni fa, e l’episodio non si è più verificato da allora. Dormivo all’epoca in un letto a castello e sotto c’era mia sorella. Improvvisamente durante la notte mi sveglio, e sento la sensazione del corpo immobile, però ero in grado di pensare, di aprire gli occhi, di guardarmi intorno. Sentii entrare una donna dalla porta, si avvicinò a me e mi fissò. Non potevo reagire perché non riuscivo a parlare e a muovermi, però la guardavo. Era buio e non riuscivo a vedere bene i lineamenti. Ad un tratto inizio a fare forza, ero spaventato, ma sono riuscito a muovermi finalmente e ho teso il braccio verso di lei con la speranza di afferrarla. La sensazione di toccarle i capelli fu reale ed ero sveglio, non si trattò di un brutto sogno. Al mattino seguente domandai a mia sorella e anche lei aveva percepito movimenti strani.”

Terza Esperienza:

“L’esperienza che sto per raccontare è avvenuta al mattino. Nel momento del risveglio, mi sono reso conto di essere cosciente ma allo stesso tempo non riuscivo a muovermi. Ho iniziato a sentire una voce, mi parlava e mi diceva delle cose in una lingua sconosciuta, ascoltavo terrorizzato. L’istinto mi disse di pregare, e iniziai a recitare il Padre Nostro. In quel momento tutto tornò alla normalità.”

Sono queste le esperienze raccontateci da alcune persone, il consiglio da parte nostra è quello di stare tranquilli e se siete appassionati di paranormale e pensate si tratti della manifestazione di esseri che interferiscono nella dimensione terrena, potete eseguire una protezione psichica. La tecnica della protezione psichica è valida per qualsiasi situazione. Le istruzioni le troverete in questo articolo.

©Riproduzione riservata

Altre storie
Sparatorie di Christchurch lattacco terroristico in Nuova Zelanda - Hai mai vissuto la paralisi del sonno? Leggi le esperienze
Sparatorie di Christchurch: l’attacco terroristico in Nuova Zelanda
Vai alla barra degli strumenti