La crosta terrestre si sta spezzando in due
La crosta terrestre si sta spezzando in due

La crosta terrestre si sta spezzando in due

La crosta terrestre si sta spezzando in due

La prova del reale distacco della parte inferiore della placca tettonica è stato rilevato per la prima volta in assoluto, mai nulla di simile è mai stato studiato dal vivo in geologia.

Sul fondale di una pianura abissale dell’Oceano Atlantico nei pressi del Portogallo, si è riuscito ad osservare per la prima volta l’inizio de distacco di una placca tettonica. L’area era sotto osservazione a causa di un fortissimo terremoto avvenuto nel 1755 e uno poco più di mezzo secolo fa.

I primi sospetti che si avevo su quell’area suggerivano la nascita di una zona di subduzione, ovvero, una parte della litosfera cominciava ad affondare sotto un altra, un fenomeno mai visto o studiato prima.

La crosta terrestre si sta spezzando in due 1 - La crosta terrestre si sta spezzando in due
La crosta terrestre si sta spezzando in due

Il team di scienziati, incrociando i dati con gli ultimi ottenuti, ha scoperto che l’acqua oceanica attualmente si sta infiltrando nel fondale attraverso una rete di fratture, ammorbidendo cosi la litosfera. Il processo in atto è noto come serpentinizzazione.

La crosta terrestre si sta spezzando in due

La crosta terrestre si sta spezzando in due 2 - La crosta terrestre si sta spezzando in due
La crosta terrestre si sta spezzando in due

Tutti i dti raccolti sono stati processati su un simulatore del processo tettonico, che ha mostrato come questo processo preceda il successivo distacco verso il mantello terrestre.

Se tutti i dati sono corretti, questa e davvero la prima volta che viene identificata e studiata la delaminazione della litosfera oceanica.

Lo studio confermerebbe una serie di speculazioni geologiche di decenni e la reale possibilità della formazione di un super continente in un arco di tempo stimato in 250 milioni di anni.

©Riproduzione Riservata

Altre storie
Il ministro italiano preoccupato per l'escalation della Libia
Il ministro italiano preoccupato per l’escalation della Libia
Vai alla barra degli strumenti