Scoperto su Marte un intero sistema idrico sotterraneo

Scoperto sul pianeta Marte un intero sistema idrico sotterraneo

L’acqua sul pianeta Marte potrebbe esistere e sostenere la vita

Oggi Marte può sembrare un pianeta asciutto e polveroso. Ma i modelli scientifici indicano che probabilmente era una volta sede di enormi quantità di acqua, sia sopra che sotto la sua superficie – e ora i ricercatori hanno le prove per sostenere questi modelli.

“Il primo Marte era un mondo acquatico, ma quando il clima del pianeta cambiò questa acqua si ritirò sotto la superficie per formare laghi e fiumi sotterranei, ha detto in un comunicato il ricercatore dell’Agenzia spaziale europea (ESA), Francesco Salese .

“Abbiamo tracciato quest’acqua nel nostro studio, poiché la sua scala e il suo ruolo sono oggetto di dibattito”, ha continuato, “e abbiamo trovato la prima prova geologica di un sistema di acque sotterranee su tutto il pianeta su Marte”.

Usando i dati di un trio di strumenti – la videocamera ad alta risoluzione (HRSC) a bordo dell’astronave Mars Express dell’ESA, l’esperimento di imaging ad alta risoluzione della NASA (HiRISE) e la telecamera di contesto a bordo della Mars Reconnaissance Orbiter della NASA – i ricercatori dell’ESA hanno esplorato due dozzine di allegati crateri nell’emisfero nord di Marte.

Sul pavimento di questi crateri, il team ha trovato caratteristiche che suggeriscono che i crateri una volta contenevano “pozze e flussi d’acqua che sono cambiati e si sono ritirati nel tempo”.

Erano persino in grado di stimare i livelli idrici del passato e hanno scoperto che corrispondevano alle coste previste di un oceano che molti credono esistesse su Marte tra tre e quattro miliardi di anni fa – e che potrebbe essere stato collegato a un sistema di laghi sotterranei.

L’acqua è un indicatore chiave della vita, quindi ogni evidenza di acqua su Marte dà credito all’idea che il pianeta possa essere stato una volta sede di organismi viventi.

Ma la prova di un sistema di acque sotterranee non è l’unica scoperta dell’ESA con implicazioni sulla vita su Marte – all’interno di cinque dei crateri esaminati, il team ha anche trovato segni di minerali che la ricerca passata ha collegato all’emergere della vita sulla Terra.

Come ha osservato lo scienziato del progetto Mars Express, Dmitri Titov, la scoperta potrebbe aiutare i ricercatori a individuare le macchie su Marte che molto probabilmente contengono prove della vita passata sul Pianeta Rosso – potenzialmente mettendoci un passo avanti nella ricerca della vita extraterrestre.

Altre storie
vita passata
Vita passata – Scegli una porta del tempo
Vai alla barra degli strumenti