Una iniezione agli occhi potrebbero dare la visione notturna agli umani

Una iniezione agli occhi potrebbero dare la visione notturna agli umani

Gli scienziati hanno dato con successo ai topi la capacità di vedere nel vicino infrarosso iniettando nanoparticelle nei loro occhi.

La ricerca, condotta da un team guidato da Tian Xue dell’Università della Scienza e della Tecnologia della Cina e Gang Han della University of Massachusetts Medical School, ha testato l’iniezione di nanoparticelle negli occhi dei topi da laboratorio.

Queste nanoparticella si sono ancorate alle cellule dei fotorecettori e la luce del vicino infrarosso si è “convertita” verso luce visibile.

Secondo quanto riferito, questa visione aggiuntiva sarebbe durata circa dieci settimane prima di svanire, durante il quale i topi non solo erano in grado di vedere nel vicino infrarosso, ma potevano anche vedere la normale luce visibile.

Inoltre, non sembra esserci alcuna ragione per cui questo metodo non funzioni anche sugli occhi umani, aprendo così la possibilità di poter vedere al buio senza apparecchiature esterne.

“Questi ampi esperimenti non lasciano dubbi sul fatto che i topi iniettati con nanoparticelle sensibili all’infrarosso ottengono la capacità di rilevare la luce infrarossa e ottenere informazioni visive da essa”, ha detto il prof Vladimir J. Kefalov della Washington University di St. Louis che non è stato coinvolto nella ricerca .

“Tuttavia, non è chiaro se ottenere una visione a infrarossi pratica negli esseri umani richiederà iniezioni ripetute e, in tal caso, se tale trattamento cronico avrà effetti negativi a lungo termine sulla struttura e la funzione dei nostri occhi.”

Altre storie
Il bicarbonato aiuta a combattere il cancro
Il bicarbonato aiuta a combattere il cancro?
Vai alla barra degli strumenti