Vaso di 2.000 anni contiene "elisir di immortalità"

Vaso di 2.000 anni contiene “elisir di immortalità”

Gli archeologi trovano misterioso “elisir di immortalità” in una antica tomba cinese

I ricercatori in Cina hanno identificato un misterioso liquido contenuto in un antico vaso di bronzo di migliaia di anni fa, e si rivela essere una famosa pozione leggendaria cinese.

Secondo gli archeologi, lo strano liquido giallognolo scoperto durante gli scavi nella provincia centrale di Henan in Cina, alla fine dell’anno scorso, è un antico “elisir di immortalità“, pensato nei secoli passati per conferire vita immortale a coloro che lo bevevano.

“È la prima volta che le mitiche” medicine per l’immortalità “sono state trovate in Cina”, ha detto a Xinhua questa settimana Shi Jiazhen, capo dell’Istituto di reliquie e archeologia culturale .

“Il liquido ha un valore significativo per lo studio degli antichi pensieri cinesi sul raggiungimento dell’immortalità e dell’evoluzione della civiltà cinese”.

Vaso di 2.000 anni contiene elisir di immortalità - Vaso di 2.000 anni contiene "elisir di immortalità"

Il vaso di bronzo fu dissotterrato da una tomba di 210 metri quadrati (210 metri quadrati), risalente alla dinastia Han occidentale (dal 202 aC all’8 dC) nella città di Luoyang.

Si trovava in mezzo a un reticolato comprendente numerosi manufatti antichi, tra cui vasi in terracotta dipinta e una lampada a forma di oca – per non parlare dei resti conservati dell’occupante della tomba.

Ma è stato il misterioso liquido – ancora conservato nell vaso di bronzo dopo circa 2.000 anni – a catturare l’immaginazione dei ricercatori, emanando un aroma di vino ricco, che ha portato inizialmente il team a sospettare di aver trovato un liquore.

“Ci sono 3,5 litri di liquido nel colore del giallo trasparente”, ha detto Shi a novembre dell’anno scorso. “Puzza di vino.”

Inizialmente tutti i ricercatori erano convinti di trovarsi davanti ad un liquore preparato con riso e grani di sorgo, un particolare vino spesso trovato in reperti simili.

Era vino di riso o un Elisir di immortalità?

Ma non era vino di riso, i risultati mostrano che il misterioso liquido è una miscela di nitrato di potassio e alunite.

In tempi più recenti, il nitrato di potassio è stato impiegato in tutto, dai fuochi artificiali al fertilizzante e addensante alimentare, ma la sua combinazione con alunite è una corrispondenza per gli ingredienti di un ‘Elisir di immortalità’, come documentato in antichi testi taoisti .

Gli elisir che si supponeva conferissero l’immortalità o la longevità preternaturale erano una caratteristica di molte culture antiche e, nel caso della Cina antica, erano composti da tutti i tipi di ingredienti insoliti che normalmente non si consumerebbero, inclusi oro, giada, mercurio, arsenico e molti altri minerali indigesti o velenosi.

In effetti, l’alto livello di rischio associato al consumo di queste pozioni magiche era talmente famoso che un intero corpo di ricerca è dedicato alla storia dell’intossicazione da elisir alchemico cinese e, a seconda del livello di esposizione, l’ingestione di nitrato di potassio può essere fatale .

Detto questo, non sappiamo se questo antico elisir della dinastia Han occidentale sia mai stato assorbito – o semplicemente collocato nella tomba come oggetto funerario rituale per onorare i defunti.

Ma considerando cosa veniva utilizzato per creare queste bevande, il non consumarlo era probabilmente l’unico vero segreto per vivere una vita lunga e prospera.

Altre storie
SEKIRO SHADOWS DIE TWICE
SEKIRO: SHADOWS DIE TWICE
Vai alla barra degli strumenti